Vendere casa a 8 compratori e poi scappare

Comprare casa rischiando che il venditore la prometta in vendita a tre, quattro acquirenti incassando le caparre? Ancora peggio pensare che sia possibile stipulare due, tre atti lo stesso giorno per la stessa casa. Ebbene si, in Italia, malgrado le migliaia di leggi e leggine è possibile anche questo. É accaduto a Roma dove una coppia firma più compromessi e stipula due atti lo stesso giorno per poi sparire con l’incasso senza neanche saldare il mutuo residuo (http://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/roma_truffa_vende_casa-2572217.html).

Ovviamente non vi spiegheremo nel dettaglio come si fa, ma quello che denunciamo e che nessun giornalista scrive é che la norma per evitare ‘incidenti’ del genere ci sarebbe: come è noto i commi dal 63 al 67 della Legge 27.12.2013, n.147 hanno introdotto il deposito obbligatorio del prezzo delle compravendite e di altre somme presso il notaio. La norma è temporaneamente sospesa in attesa di un decreto attuativo del Presidente del Consiglio dei Ministri da emanarsi entro 4 mesi dal 1° gennaio 2014.

Si esatto 2014, ma siamo a metà del 2017. Questa norma esiste gia in molti paesi come in Francia, dove tutti gli acconti restano bloccati presso il notaio in modo da tutelare gli acquirenti da multi compromessi, pignoramenti e fallimenti delle imprese di costruzioni.

Ci auguriamo che al piu presto arrivi il decreto attuativo per tutelare i compratori.

Ivan Laffranchi